SAKAI TAKAYUKI Homura Guren Blu Nakiri 180mm

  • Descrizione

Nakiri • 180 mm • Blu #2 • Manico ottava giapponese in rovere bruciato • per uso destrorso e mancino

Caratteristiche della serie Homura Guren
Guren, significa loto rosso. Un nome ispirato al vivace colore rosso delle fiamme nella fornace della forgia. Questi sono creati dal carbone di pino, che Doi san usa nella forgiatura. Il cavolo viene anche confezionato in una piccola busta nella scatola al momento dell'acquisto del coltello.

Dopo la forgiatura a temperatura relativamente bassa, la lama viene martellata a freddo per ottenere il giusto spessore. L'indurimento del gambo di aogami viene tradizionalmente fatto raffreddandolo con acqua. Itsuo Doi lavora la lama con una finitura rustica kurouchi e lascia un chiaro colpo di martello. Il coltello è rifinito con un bellissimo manico ottagonale in rovere bruciato.

kurouchi
Kurouchi non è un tipo di coltello, ma una finitura tradizionale della lama. Kurouchi tradotto letteralmente significa "finitura a coltello". Non molando o lucidando i resti del processo di forgiatura dalla lama, viene lasciata una finitura scura. Questo rivestimento nero protegge dall'ossidazione, riduce i costi di produzione e conferisce al coltello un aspetto tradizionale. L'aspetto caratteristico di questo stile è apprezzato da molti appassionati di coltelli.

Acciaio blu, chiamato anche acciaio Aogami/Aoki
Proprio come l'acciaio bianco: non prende il nome dal colore dell'acciaio, ma dalla carta in cui l'acciaio è confezionato presso l'acciaieria Hitachi in Giappone. Anche qui 3 gradi diversi: super, #1 e #2. Oltre all'alto contenuto di carbonio, gli acciai Blue hanno anche aggiunto cromo e vanadio nella loro lega, Aogami blue super lo prende su una tacca con il tungsteno. Inutile dire che "super" rimane nitido più a lungo. Il blu n. 1 può essere facilmente reso molto nitido e il n. 2 ha la maggiore tenacità. Dico sempre che Aogami è super "il meglio dei due mondi": estremamente affilato per lungo tempo e leggermente meno sensibile alla ruggine grazie all'aggiunta di cromo.

Gli acciai blu sono più difficili da tenere al passo con una pietra per affilare, ma rimangono affilati più a lungo. A differenza dell'acciaio bianco, l'acciaio blu arrugginisce un po' meno.

Oltre all'acciaio bianco e blu, sono stati introdotti anche gli acciai inossidabili. Gli acciai al carbonio eccellono nell'affilatura e nel mantenimento dell'affilatura, ma bisogna prendere in considerazione un po' più di manutenzione per prevenire la formazione di ruggine.

Aggiungere al carrello